Perchè L’Ansia Può Aumentare Il Rischio Di Infarto

ricette siciliane
Ecco I 5 Migliori Piatti Siciliani
27 aprile 2017
ansia e attacco cardiaco

Preoccuparsi senza motivo per la propria salute è molto frequente, specialmente oggi giorno in cui è possibile avere accesso istantaneamente ad un mondo intero di informazione medica grazie ad internet.

Provate un leggero fastidio ad un fianco o un’improvvisa emicrania ed immediatamente andate a chiedere al “dottor Google” cosa c’è che non va cercando i vostri sintomi.

Nel giro di alcuni attimi vi siete già convinti di avere qualche rara malattia che vi porterà presto alla morte.

La buona notizia è che, a livello statistico, probabilmente non avete quella malattia che vi siete autodiagnosticati.

In ogni caso, quella cattiva è che preoccuparsi per la propria salute in questo modo e in modo costante può creare una serie di problematiche fisiche.

ansia e attacco cardiaco

L’ansia e la salute cardiaca

Ricercatori hanno esaminato la cartelle cliniche di più di 7000 persone in uno studio recente.

Hanno scoperto che chi aveva un alto livello di ansia a proposito della propria salute avevano una possibilità del 70% in più di sviluppare una malattia cardiaca nel corso dello studio durato ben 13 anni.

Questo ha portato gli studiosi a concludere che l’ansietà correlata alla salute dovrebbe essere considerata un potenziale fattore di rischio per una malattia alle coronarie.

La connessione tra ansia e malattia cardiaca è probabilmente correlata ad un ormone chiamato cortisolo.

Durante lo stress, tale ormone viene rilasciato cortisolo dalle ghiandole adrenaliniche come parte della risposta del corpo denominata “fuggi o combatti”.

Questa è una buona cosa nel breve periodo, poichè ci aiuta a sopravvivere in una situazione di emergenza.

In ogni caso, quando gli organi sono esposti costantemente al cortisolo, si crea un problema di salute.

Parlando del cuore, questo può risultare in un aumentato rischio di sviluppare malattie cardiache, infarto ed ictus.

Consigli per ridurre l’ansia

Anche chiamata ipocondria, la paura di ammalarsi è un problema che sta diventando abbastanza comune.

Le persone che presentano questa condizione possono interpretare delle normali funzioni corporee, come un rumorino allo stomaco o un piccolo fastidio, come un qualcosa di più serio.

Uno dei problemi con l’ipocondria è che le persone che la presentano cercano spesso rassicurazione per le sciocchezze che non rappresentano un problema clinico, ma per paura evitano di cercare aiuto quando i sintomi diventano più seri.

Se presentate questo genere di ansia, queste seguenti strategie possono alleviare i vostri sintomi:

Fatevi un controllo: dovreste farvi un controllo parlando col vostro medico, meglio scoprire che non c’è niente che non vada che continuare a preoccuparsi.

Seguire il consigliio del vostro medico: se il vostro medico vi visita e vi dice che siete sani, chiedete un consiglio su come alleviare i vostri sintomi.

Ci possono essere altri modi che possono risolvere il problema.

Non escludete la psicoterapia: essa e la terapia cognitivo comportamentista possono aiutare con l’ansia.

Queste soluzioni non sono più un sintomo di debolezza e possono aiutare a ridurre l’ansia e i sintomi fisici creati da essa.

Cambiate la vostra dieta e consultate gli esperti: Cambiare dieta come evitare la caffeina e cibi che creano noie allo stomaco possono aiutare a ridurre l’ansia.

Dovreste anche consultare un farmacista prima di prendere qualsiasi farmaco che non richiede ricetta medica, dal momento che alcuni aumentano l’ansia.

Superare i problemi di ansia è possibile, ed è il giusto passo da fare per proteggere il vostro cuore.
Non preoccupatevi senza motivo a proposito della vostra salute: parlate invece col vostro medico e fatevi dare risposte in base alla vostra situazione reale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *